+390516606532 INFO@GECAM-SRL.IT

Da -150°C a 230°C: la resistenza termica in grado di adattare la gomma a infiniti utilizzi

Da decenni la scienza e l’innovazione si fondono per creare materiali che sfidano gli standard convenzionali. Le gomme siliconiche sono tra queste, e si distinguono per la loro composizione unica. Sono infatti un’entità a sé stante nell’universo degli elastomeri.

Hanno natura diversa da quella di tutti gli altri prodotti di questa categoria. Questo in quanto non sono composti organici puri. Le loro molecole non sono catene di atomi di carbonio, ma di silicio ed ossigeno con collegamenti alchilici.

Molecole di silicio ed ossigeno si combinano, conferendo a questi materiali proprietà che li rendono ineguagliabili. Queste gomme non sono solo elastiche ma mantengono la loro integrità anche a temperature estreme. Infatti, la loro caratteristica più distintiva è la loro tenacia alle temperature estreme: da -150°C a 200/230°C, mantengono l’elasticità.

Oltre che alle temperature, sono resistenti agli attacchi chimici, all’ossidazione, e all’invecchiamento.

La versatilità delle gomme siliconiche si estende al settore alimentare e sanitario.

Alcune, però, richiedono un trattamento di post-curing, eliminando completamente residui volatili non decomposti, come le gomme perossidiche con agenti di vulcanizzazione basati su perossidi organici. Queste creano ponti etilenici tra le catene polimeriche, richiedendo, appunto, un post-curing per l’idoneità alimentare.

Tuttavia, di base la loro composizione può essere adattata per produrre prodotti vulcanizzati sicuri al contatto con alimenti, o, addentrandoci nel settore medico, biologico e farmaceutico, utilizzata per formulazioni speciali che rispondono alle esigenze più stringentemente regolamentate.

In particolare, il silicone platinico, tra le tipologie disponibili sul mercato, spicca per purezza e conformità alle certificazioni di idoneità al contatto con alimenti. Privo di componenti tossici, con il minor contenuto di sostanze volatili, trova largo impiego nel settore farmaceutico e medicale.

Inoltre, le gomme siliconiche platiniche vengono considerate il massimo pregio nel regno del silicone. Con catalizzatori al platino, accelerano la vulcanizzazione con resa quasi al 100%. La loro purezza e la capacità di mantenere intatte le caratteristiche igieniche dell’acqua potabile le rendono vincenti nei laboratori di certificazione in tutto il mondo.

Questi risultati sulle gomme siliconiche si possono ottenere solo grazie ad un ambiente in cui la produzione raggiunge l’apice della purezza: la “Camera Bianca” (Clean Room). Qui, gli addetti indossano indumenti protettivi, e sofisticati sistemi di filtrazione garantiscono la massima protezione contro contaminanti esterni. I prodotti siliconici risultanti diventano componenti essenziali nell’industria elettronica, aerospaziale, medicale e delle biotecnologie.

Le mescole di gomma siliconica, semplici ma potenti, combinano gomma, cariche inorganiche, pigmenti e un vulcanizzante, spesso un perossido o un catalizzatore. Per ottenere morbidezze eccezionali (durezze intorno ai 30/35 Shore A), si possono impiegare oli siliconici come plastificanti.

A livello di lavorazione le gomme siliconiche liquide (LSR) sono adatte all’iniezione in stampi per la loro bassa viscosità e offrono un mondo di possibilità.

Ovviamente, quello di cui ti ho parlato finora è solo un primo approccio al mondo delle gomme siliconiche. Vuoi scoprire come queste materie possono trasformare la tua produzione? 

> Clicca qui per richiedere maggiori informazioni < e scopri come possiamo personalizzare le soluzioni per le tue esigenze specifiche.